Addio a Nadia Toffa, guerriera ed eroina

Addio a Nadia Toffa, guerriera ed eroina
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

Dw-Roma.Oggi, dopo una lunga battaglia, si è spenta Nadia Toffa. Aveva solo 40 anni.

Nadia e la sua vita bella, ve la voglio raccontare un po’ a modo mio. Perché le vite sono belle anche quando sono dure, forse proprio quando gli imprevisti non sono semplici sassolini sul percorso, ma macigni enormi e pesanti.

Ecco Nadia, una ragazza con un’energia che buca lo schermo. Dopo anni di gavetta, approda a Le Iene e aggiunge al programma televisivo di grande successo tutta la sua grinta. La sua personalità è un mix di professionalità e umanità che arrivano al pubblico attraverso i servizi che realizza, con passione smisurata e sempre molto coinvolta dai temi che affronta.

Non poteva che fare questo mestiere, davanti ad una telecamera, dietro ad un microfono, a ribattere e controbattere, a pungere l’intervistato, come lei sapeva fare, sempre con l’obiettivo di scavare e arrivare alla verità. Dava risalto alle tante evidenze che molti dei suoi interlocutori, goffamente, cercavano di mascherare, mettendoli difronte alla realtà oggettiva dei fatti, senza filtro, senza scuse.

Quando rilascia la sua prima intervista per Le Iene dopo il malore del 2 Dicembre 2017, Nadia sapeva già, ma non parla di tumore, non racconta subito al pubblico, che tanto l’amava, quale sia stata la causa di quello che sembrava solo uno svenimento. In ospedale, in seguito ad analisi e accertamenti, si rivela subito a lei, spaventoso com’è, quel mostro contro il quale dovrà battersi da quel momento in poi.

Il tumore al cervello lo combatte con ogni mezzo a disposizione, con tutta la forza che ha, con una nuova visione della vita, perché tutto sarà illuminato da una luce diversa, da una consapevolezza nuova.

Riesce a tornare a lavorare e lo fa con quel qualcosa in più, con un donarsi ancora più forte, perché lei ama infinitamente il proprio lavoro ed ora ancora di più la propria vita. Lo abbiamo incontrato nei suoi occhi grandi il suo coraggio, ad ogni appuntamento televisivo.

In un’ intervista alla trasmissione Verissimo, alla domanda “cos’è la felicità oggi per Nadia?”, lei rispondeva, dopo un attimo di riflessione: “È imparare. È imparare dalle situazioni che ti si presentano nella vita. Ci sono ostacoli, ci sono difficoltà, ci sono gioie, è tutto bello, è tutto positivo, perché da ogni cosa si impara. Il mio più grande desiderio è continuare a imparare, perché imparando si migliora, si accolgono gli atri. Imparare.”

E ha imparato tante cose Nadia, insegnando molto anche a tutti noi. Ci ha donato un po’ della sua vita, della sua energia, ha rigirato a noi, spesso attraverso i social, i suoi pensieri, la sua carica e tutto ciò che imparava pian piano, giorno dopo giorno, battaglia dopo battaglia.

E guardandola vivere, ascoltandola, sentendomi a lei sempre più vicina, ho imparato anche io una lezione importante: non è la vittoria a renderti vincitrice, ma è come hai combattuto la battaglia, è quella forza che ti eleva a qualcosa di molto più grande, che racconta di te, e ti battezza, a pieni titoli, da eroina.

Ciao Nadia

Leave a Reply

Your email address will not be published.