Desk news, ESTERI, NOTIZIE IN EVIDENZA
comment 1

Attentato in Sri Lanka

attentato in sri Lanka
Condividi l'articolo che stai leggendo

DW-Roma. Una serie di serie esplosioni simultanee hanno sconvolto quelle che sono le celebrazioni cristiane nello Sri Lanka.

Gli attentati nello Sri Lanka si sono verificati in tre hotel di Colombo e tre chiese, la settima esplosione in un edificio di Dehiwala, in uno dei borghi a sud della capitale, dove sono rimasti uccisi due poliziotti, e l’ottava ancora in un altro quartiere di Colombo, Orugodawatta, ma non ci sarebbero vittime.

Il ministro dell’Economia Harsha Da Silva ha scritto su Twitter che le ultime due esplosioni nei sobborghi “sembrano essere causate dai fuorilegge che stanno scappando dalle forze dell’ordine”. Il ministro della Difesa, Ruwan Wijewardene, dopo le ultime due esplosioni ha affermato che tutti i responsabili degli attacchi “sono stati identificati” e verranno arrestati quanto prima.

Al momento l’attentato in Sri Lanka ha provocato 137 morti e 400 persone ferite .Le notizie sono in continuo aggiornamento.

Da quello che si apprende le bombe sono esplose nella chiesa di Sant’Antonio a Kochchikade, nella chiesa di San Sebastiano a Katuwapitiya, in Katana e nella chiesa di Sion a Batticaloa, mentre gli alberghi Kingsbury, Shangri-La e Cinnamon Grands sono stati attaccati. Nove stranieri erano tra quelli uccisi nelle esplosioni a Colombo, secondo le fonti dell’ospedale nazionale.

Secondo i media locali, 67 persone sono morte nella chiesa di San Sebastiano a Negombo e la chiesa ha subito gravi danni. Almeno 27 persone sono morte nella chiesa di Batticaloa, fonti dell’ospedale di Batticaloa hanno riferito alla BBC. Un famoso chef Shantha Mayadunne e sua figlia sono morti nell’esplosione all’hotel Shangri-La, ha riferito lo Sri Lanka Rupavahini. Nessun gruppo ha ancora rivendicato la responsabilità degli attacchi.

Ti può interessare anche:  Italia-Cina tra fake news e verità

Dopo gli ultimi aggiornamenti,fonti locali riferiscono di 207 morti e 450 feriti. Il governo ha imposto un coprifuoco di 12 ore dalle 6 di domenica. Le scuole e le università sono state chiuse e la sicurezza è stata rafforzata con lo spiegamento di truppe dell’esercito e della marina.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *