Author: Anna Lisa Maugeri

Intervista a Eva Florencia Bianchini

DW-ROMA.È il 12 luglio del 2001. Nella Plaza de Toros, a Siviglia, si danza. Ecco il torero: la sua figura perfetta è decorata dall’abito tradizionale, i ricami elaborati color oro sembrano volerne testimoniare la personalità fiera, pregna del coraggio e della consapevolezza che dentro all’arena non possono mai mancare. Un’ombra di fatalità si dissolve nelle luci della maestria del matador, quella innata e quella acquisita in anni di allenamento, entrambe hanno disegnano nel tempo sul suo giovane volto il rigore e la fatica, la passione resa viva e concreta dal toro che è lì davanti ai suoi occhi, pronto a caricarlo con i suoi 500 chili. L’ultima opportunità di vita, di gloria, di morte: ecco la corrida. Il torero è Eva Florencia Bianchini. Aveva solo 23 anni, debuttava in una delle arene più importanti dell’Andalusia, davanti ad un pubblico che sarebbe stato certamente più severo del solito. Una donna per torero, per di più straniera, un’italiana arrivata da Firenze col sogno di toreare, sfidando tutto e tutti, pregiudizi e ostilità. Una passione che Eva non …

La linfa della criminalità: giovani disoccupati e disagiati

Dw-Roma.Emanuele non doveva morire. Secondo le logiche della criminalità organizzata, secondo la volontà del clan opposto, quello dei Buonerba, quel ragazzo di soli 19 anni era un problema, fra vendette e il desiderio di affermarsi e prevaricare sugli altri clan nella malavita locale. Era così che doveva andare. Ma Emanuele non doveva morire. Lo guardo. Sta lì, eternamente immortalato nella webserie “ES17. Dio non manderà nessuno a salvarci”, prodotto da la Repubblica e Sky, realizzato da 42°PARALLELO. È una storia che si scrive da sé per via di quelle dinamiche sempre uguali. Sia che si tratti di giovani nati e cresciuti in famiglie già segnate dalle logiche della delinquenza, sia che si parli di giovani estranei a quegli ambienti, ma arruolati perché, in mancanza di un’educazione eretta su valori diversi, cresciuti col pane della rabbia contro tutto e tutti e pieni della necessità di riscatto, quel riscatto lo trovano solo nei soldi facili dello spaccio di droghe, fino a voler fare “carriera” per avere sempre di più in un mondo che sembra non avere nulla …

Intervista ad Alessandro Gallo

Dw-Roma. Sono le scelte che facciamo a raccontare chi siamo. Il passo allungato verso una direzione, il breve tragitto verso il quale ci incamminiamo, il giorno dopo giorno … Sono tante le cose che compongono le tappe consequenziali di un grande viaggio: quello per raggiungere la vita che vogliamo. Alcune persone si adeguano, volenti o nolenti, ad un percorso che sembra già programmato. Altre, riprendono in mano la propria vita, facendone un foglio bianco da scrivere e colorare a proprio modo. Alessandro Gallo scrive, così, la sua vita e la fa nuova. Ci saranno pagine dalle quali non si può cancellare la parola camorra, ma impara lungo il tragitto che quella parola deve restare, sarà necessaria per scriverne altre di parole. Nato a Napoli nel 1986, figlio di un affiliato camorrista, Alessandro Gallo è oggi scrittore, attore teatrale e regista. Il suo esordio nel 2011 con il romanzo autobiografico Scimmie, liberamente ispirato a Giancarlo Siani, edito da Navarra Editore, riscuote un grande successo e porta alla luce il suo talento e la sua storia. Seguono …

Intelligenza artificiale: i robot amici dei bambini autistici

Dw-Roma. L’intelligenza artificiale è una disciplina dell’informatica che sta cambiando il mondo, specie in ambito medico e sanitario. Sono diverse le possibili applicazioni dell’IA, ma tutto nasce sempre e solo dalla sensibilità e dall’intelligenza dell’uomo che dà impulso vitale a progetti concreti, migliorando la vita di molte persone, come quelle con esigenze speciali. Così, succede che un bambino con sindrome autistica si ritrovi ad interagire con un robot che lo istruisce e lo aiuta ad acquisire nuove competenze, coadiuvando il lavoro di terapisti e familiari. Tutto merito di un gruppo di ingegneri informatici siciliani se oggi il futuro entra già nelle strutture sanitarie e negli istituti scolastici del territorio italiano. Behaviour Labs Robotics: l’innovazione siciliana Nel 2012 nasce a Catania una start up innovativa di un gruppo di informatici siciliani, la Behaviour Labs Robotics fondata dai fratelli Daniele e Marco Lombardo. Il loro progetto dà vita al software Robomate, che è il cervello e l’anima dei robot Nao, Milo e Pepper (creati dalla SoftBank Robotics). Il software contiene curriculum didattici e piani terapeutici che lo …

Essere medico: più rischioso per le donne

Dw-Roma.Il diritto al lavoro è sancito nella Costituzione Italiana dall’articolo 4 e dichiara che “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.” Il diritto a lavorare è anche la possibilità di realizzare sé stessi come individui, mettendo al servizio della comunità le proprie capacità e le competenze acquisite dopo anni di studio e pratica. Ogni mestiere dovrebbe essere svolto in condizioni di sicurezza, garantendo al lavoratore di poter operare senza alcun rischio per la propria salute o la propria dignità. Se dovessimo pensare ad un mestiere pericoloso, fra tutti i mestieri nei quali è messa a rischio la propria incolumità, non penseremmo mai a quello del medico, che potremmo considerare pericoloso quando opera in zone di conflitto o colpite da epidemie. È uno dei lavori nobili per eccellenza, è motivo di orgoglio per i genitori …

Vi presento Cecilia Crisafulli

Photo by Ingo Schneider Dw-Roma.Nei suoi colori c’è tutto il calore accogliente e avvolgente della terra di Sicilia. Ha in sé la grazia e l’eleganza della romantica e suggestiva Venezia. Occhi grandi e profondi disegnati sulla tela di un volto delicato e luminoso. Cecilia Crisafulli è un mondo che racchiude in sé una storia fatta di sogni belli e di passione, quella per la musica ed il violino al quale ha dedicato anni di studi e dedizione, diventando la violinista affermata che è oggi. È l’unica donna a suonare nella Max Raabe & Palast Orchester, la famosa orchestra tedesca fondata nel 1986 da Max Raabe, performer dalla voce e dallo stile particolarmente originali e inconfondibili. Un progetto musicale che ci riporta alla musica sognante e allegra degli anni 20 e 30, reinterpretando molti brani moderni, adattati perfettamente alle atmosfere e alle sonorità dell’epoca. Ne è un esempio la cover della celebre canzone di Tom Jones  “Sex Bomb” che ha riscosso un grande successo in tutto il mondo. La violinista Cecilia Crisafulli, 36 anni, ha origini …

Educazione e legalità: la mafia in eredità

Dw-ITALIA.Se dovessi spiegare ad un bambino cos’è la legalità, direi che legalità è un uomo che cammina su due gambe forti con due nomi ben precisi: regole e coscienza. E perché mai spiegare ad un bambino il significato di una parola che non ha nulla a che fare con la sua piccola vita, ancora così lontana dal suo mondo, fatto di partite a calcetto, scuola e amici? Educare i bambini sin da piccoli al significato profondo e al valore della legalità equivale a modellare gli uomini e le donne di domani per renderli più pronti e capaci di distinguere ciò che è giusto da ciò che non lo è, oltre che ad edificare le basi sulle quali si erigerà ogni loro concezione futura in ogni singolo aspetto della vita, fornendo loro una sorta di tracciato. Non si tratta di stabilire una strada da percorrere, ma il modo giusto di percorrerla. L’esigenza di educare le nuove generazioni sin dall’infanzia è nata a seguito dell’assassinio per mano di Cosa Nostra del Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella, …

Cordoglio per gli agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego

Dw-Roma.Il giorno di una vita, un giorno uguale agli altri, nel quale ti alzi al mattino, organizzi il tuo tempo, le tue ore, incastri il dovere alle altre cose belle che ti appartengono, e così via. Quello che sei, quello che hai da dare al mondo, sta lì fra le cose che vivi. Vai a fare il tuo lavoro, un bacio, un “ciao, a dopo”. Tutto qui. È il tempo di una vita, frammentato nelle piccole cose, cose che, gesto dopo gesto, attimo dopo attimo, costruiscono le grandi cose che ci rendono ciò che siamo e ciò che abbiamo scelto di essere. Il giorno di una vita che si ferma, arriva imprevedibile, per colpa del caso, per le ragioni irragionevoli del destino, se al destino vogliamo credere per attribuire meno responsabilità agli uomini. Pierluigi Rotta, di 34 anni, e Matteo Demenego, di 31 anni, non facevano un mestiere comune. Non è un mestiere comune quello che ti porta a consegnare ogni giorno la tua vita alla divisa. Gli uomini e le donne che indossano la …

Ventesima edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica in Italia

Dw-Roma.Si è svolta quest’anno la ventesima edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica, un’iniziativa promossa in Italia dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. L’evento è nato nel 1999 nel comune piemontese di Casale Monferrato, dove si trova la bellissima Sinagoga in stile barocco piemontese costruita nel 1595; oggi, l’evento vanta la partecipazione di ottantotto paesi sparsi sul territorio italiano, da nord a sud. Sono, invece, trentaquattro i Paesi Europei che aderiscono quest’anno all’iniziativa, grazie al coordinamento dell’AEP, l’Associazione Europea per la conservazione e la promozione della cultura e del patrimonio ebraici. Quest’anno la città capofila è stata Parma che ha dato il via all’evento il 15 settembre. A Parma, infatti, si trova una delle comunità ebraiche più antiche, le cui origini risalgono al XIV secolo. Lo scopo della Giornata Europea della Cultura Ebraica (Ucei) è quello di conoscere e apprezzare la cultura ebraica attraverso il grande patrimonio artistico e culturale presente in tutto il territorio italiano. Sinagoghe aperte ai visitatori, musei, mostre d’arte, convegni, dibattiti, letture, oltre all’immenso patrimonio storico, archeologico e architettonico con il quale …

Intervista a Carla Vistarini

Sono qui, davanti al mio personal computer. Pagina bianca, fredda, resa ancora più inespressiva, inorganica, dall’impossibilità di sfiorare la nuda carta, di odorarla mentre conquisti il candido spazio vuoto. È un mondo digitale: per biro le dita che inseguono l’alfabeto di plastica sulla tastiera, per foglio lo schermo, che a sua volta mi fissa e restituisce un’immagine di me fioca e anonima. Oggi queste pagine dentro questo schermo, mi regalano un’opportunità unica, e le opportunità, quando arrivano, non camminano mai da sole, si accompagnano alla responsabilità. Raccontare e intervistare Carla Vistarini è una gran bella responsabilità. Si rischia di dimenticare qualcosa, di omettere pezzi importanti della sua carriera, di non riuscire a raccontarla a tutto tondo, poiché la sua è una vita piena, immensa, che ha toccato più mondi. Dalla fine degli anni sessanta in poi, dallo storico club di Roma, il Piper, inizia una carriera che la porterà a mettere in luce il proprio talento di paroliera, autrice televisiva, teatrale e cinematografica, sceneggiatrice e scrittrice. Dai grandi successi della musica italiana all’ideazione di molti …