Author: Virginia Alimenti

Poste Italiane, imminente ingresso nel ramo assicurativo

Poste Italiane, imminente ingresso nel ramo assicurativo

DW – Roma. “È un mercato che cresce ma Poste sta crescendo più del mercato”. Non ha dubbi l’Amministratore delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante intervenuto durante l’assemblea degli azionisti nella quale non solo ha fatto il punto sul modello attuale ma ha anche lanciato nuove iniziative. Partendo da quella delle consegne, sfida che, dice ancora Del Fante, ha fatto registrare un “+35% di consegne di pacchi e-commerce nel primo trimestre“. Dato che permette di confermare “che entro la fine del 2019 verrà implementato tutto il piano di trasformazione” del modello di consegne. Un modello che, nell’era della gig-economy, si sta ritagliando un proprio spazio nel mercato. Quella di Del Fante è una sfida resa ancora più complessa dalla presenza di un colosso del settore e-commerce come Amazon che che, “con il record delle consegne di Poste Italiane nel 2018, è diventato il primo cliente ed è per noi un motivo di grande soddisfazione”. La sfida nelle assicurazioni Tra i prossimi passi da muovere per dare slancio e imprimere velocità al modo di stare …

I guadagni più alti? Li trovi a San Francisco

Voglia di alti guadagni? Manda il tuo curriculum a San Francisco

DW-Roma.A San Francisco si guadagna di più. A Milano si spende di più. Si collocano, infatti, tra le città più care al mondo se volete passare un weekend romantico con la vostra dolce metà anche se, per un cappuccino o un caffè, sono tra le più economiche. Parliamo di Milano e Roma, rispettivamente finite al 35mo e al 40mo posto nella classifica delle città più care tra le 56 finanziariamente più rilevanti nel mercato globale. Lo studio – Rapporto annuale “Mapping the world’s prices” – è stato redatto da Deutsche Bank e vi trovano posto prezzi, qualità e stili di vita nelle diverse città sparse per il pianeta. Con il Rapporto di quest’anno, Deutsche Bank arriva alla sua ottava edizione ma quest’anno i ricercatori hanno voluto tenere conto di un maggior numero di città guidati anche dalla necessità di considerare l’impatto che gli stili di vita hanno nel mercato finanziario globale. Volete guadagnare di più? San Francisco è la vostra meta ideale Partiamo allora dai centri dove gli stipendi danno le maggiori soddisfazioni. E no, …

Tutta colpa del mattone. Famiglie italiane più ricche, si investe in immobili

Se siamo il fanalino di coda in Europa anche per occupazione e investimenti, per lo studio Istat-Bankitalia su “La ricchezza delle famiglie e delle società non finanziarie italiane” non sembra che ci siano dubbi: i soldi li abbiamo, eccome. Anzi, la ricchezza delle famiglie italiane nel 2017, anno di riferimento dell’indagine, ha ripreso a crescere. E ha fatto registrare un bel segno positivo dopo le diminuzioni del triennio precedente con un incremento dell’un per cento pari a 98 miliardi di euro. Superiamo anche la Germania Il valore della nostra ricchezza netta, poi, “è stata pari a 8,4 volte il reddito disponibile, misurato al lordo degli ammortamenti. Un valore che ci colloca anche sopra alla Germania. Secondo la ricerca, infatti, “Alla fine del 2017 il valore della ricchezza pro capite delle famiglie italiane si è collocato leggermente al di sopra di quello delle famiglie tedesche”. Precisando subito dopo, però, che “alla fine del 2017 le abitazioni costituivano circa la metà della ricchezza lorda delle famiglie” tanto che “le abitazioni hanno costituito la principale forma di investimento …

Bruxelles bacchetta Roma e taglia le previsioni sul Pil

Bruxelles bacchetta Roma e taglia le previsioni sul Pil

DW – Roma. Italia in affanno per crescita, investimenti, occupazione. E si ritaglia così l’ultimo posto nella graduatoria dei paesi UE con la Commissione che, nelle sue previsioni, quando guarda al Belpaese, vede profondo nero. Che, tradotto in numeri, significa un taglio netto: stime del Pil al lumicino con +0,1% per il 2019 e +0,7% per il 2020. E se è vero che per quest’anno il nostro Paese è seguito dalla Germania che fa registrare un +0,5%, per il 2020 sarà tutta una corsa in solitaria con una previsione che ci vede ancora sotto l’1% mentre la Germania sarà già all’1,5%. Maglia nera anche per investimenti e occupazione Un primato del quale faremmo decisamente a meno è anche quello degli investimenti, settore nel quale siamo l’unico paese in Europa a vedere evidenziato un dato negativo: -0,3%, sempre per il 2019, a fronte di un implacabile +2,3% della media UE. Anche se poi l’Italia sembra in risalita per l’anno successivo. L’occupazione è l’altro settore nel quale sfoggiamo, unici in Europa, un dato negativo con un -0,1%. …

Decreto Sblocca cantieri, Confindustria: riaprire subito i cantieri fermi già finanziati.

Confindustria: riaprire subito i cantieri fermi già finanziati

DW – Roma. Non ha dubbi Confindustria. Nell’audizione al Senato sul decreto Sblocca cantieri assegnato alle commissioni Lavori pubblici e Ambiente, l’associazione degli imprenditori ritiene che “in questa fase di incerta transizione della congiuntura economica internazionale e, soprattutto, nazionale, un’immediata azione di sblocco dello stock delle opere ferme possa incidere in positivo sull’occupazione e, più in generale, sull’economia del Paese”. E, questo, pur valutando positivamente il provvedimento laddove rappresenta “un segnale di inversione di tendenza nelle politiche del Governo, nella direzione di una ritrovata attenzione alle ragioni della crescita“. Attenzione, del resto,  preannunciata dall’esecutivo già in occasione dell’approvazione dello stesso decreto Crescita. La promozione, però, non è a pieni voti ma subordinata a una condizione: che le misure di cui si sta discutendo siano caratterizzate “dall’efficacia e dalla semplicità” e che si ponga attenzione ai “ tempi della loro effettiva attuazione“. Giudizio tra tante ombre e poche luci Un giudizio, quindi, non privo di ombre, quello di Confindustria che sottolinea come “L’ambito di intervento più urgente, oltre che in grado di esplicare più rapidamente effetti …

Salario minimo della discordia

Salario minimo della discordia. Mentre i sindacati attaccano i contratti-pirata.

DW – Roma. Il salario minimo continua a far parlare di sé. E, soprattutto, ad alimentare una polemica che coinvolge tutti, senza escludere contrasti all’interno della stessa maggioranza. Mentre da sindacati e Pd si grida allo scandalo dei ‘contratti pirata’ di cui si teme l’estensione. Intanto, il ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio è pronto a salire sulle barricate chiedendosi perché mai Lega e Pd “non lo vogliono votare” anche se la misura si trova nei rispettivi programmi. Senza contare che, con riferimento in particolare alla Lega, “era nel contratto di governo” mentre le imprese fanno pressione perché sia approvato “per evitare il dumping”. E il sottosegretario per il Lavoro e le politiche sociali Claudio Cominardi, anche lui M5S, dai microfoni di Radio Cusano Campus, precisa che la misura “è complementare al reddito di cittadinanza. Il reddito di cittadinanza è uno strumento di contrasto alla povertà, è anche una leva per aumentare i salari, però deve essere accompagnato da un’altra norma specifica. Questa norma non solo è nel contratto di governo, ma è …

Una strategia ogni anno più grande

Morti sul lavoro, una strage ogni anno più grande

DW – Roma. Un morto ogni otto ore, un ferito ogni 50 secondi. No, non stiamo parlando di Iraq o Siria ma del nostro Paese perché questi sono i dati di feriti e morti sul lavoro. Dall’inizio di quest’anno alla fine di aprile, sui luoghi di lavoro sono morti 209 lavoratori che diventano oltre 400 se si includono quelli deceduti per un incidente mentre, da casa al lavoro, erano in macchina,  camminavano magari ai bordi della carreggiata, o mentre erano in bicicletta. Nel primo trimestre del 2019, secondo l’Istat, nonostante un mercato dell’occupazione che continua a essere tra i meno dinamici in Europa ancorché con timidi segnali di temporanea ripresa, il rintocco della campana a morto ha fatto registrare un incremento del 10% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Un dato che, oltre il dramma umano, si trascina dietro costi pari al 2,6% del Pil per ogni incidente tra spese assicurative, previdenziali, e con tutte le altre voci collegate. Praticamente, meno di quanto potrebbe aspirare a raggiungere una manovra di bilancio. Carlo Soricelli: dalla Thyssenkrupp all’Osservatorio …

Riders di nuovo sul piede di guerra

Riders: “Mai più un Primo Maggio senza diritti”

DW – Roma. “La strada che rivoluziona il mondo della gig economy è ormai tracciata. I lavoratori del terzo millennio avranno finalmente più diritti e tutele”. L’annuncio, postato su Facebook, è del ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Ma non basta a placare le proteste dei diretti interessati che proclamano scioperi e organizzano presidi. Il Ministro dal canto suo dichiara anche: “La norma sui rider è pronta. Sarà inserita nella legge sul salario minimo che è in discussione in questi giorni al Senato. Se potremo, proveremo a farla diventare legge anche prima, inserendola nella fase di conversione del ‘decreto Crescita’ ma su questo ci sarà bisogno dell’autorizzazione dei presidenti delle Camere”. No, non è la prima volta che dal governo si annunciano provvedimenti per regolamentare un settore cresciuto, ormai, come un autentico Far West. E loro, i riders – o fattorini addetti alle consegne, per dirla in altro modo – da tempo sono sul piede di guerra. Anche perché tra loro non ci sono soltanto giovani in cerca di una paghetta …

Rottamazione cartelle, conto alla rovescia

Pace fiscale, ultimi giorni per presentare le domande. Per i ritardatari, aperture straordinarie e possibilità di aderire online

DW-Roma. Scade tra quattro giorno il termine utile per presentare le domande e usufruire così della Rottamazione-ter delle cartelle o del saldo e stralcio, le misure adottate per la pace fiscale permettendo ai contribuenti di beneficiare così della riduzione degli importi prevista dalla legge. Le previsioni parlano di circa un milione di connazionali che, entro martedì prossimo, avrà presentato domanda incrementando le richieste finora presentate e che ammontano a più di 860 mila. Per la precisione, sono state 865 mila le domande arrivate all’Agenzia delle Entrate – Riscossione. Di queste, 725 mila sono state quelle relative alla Rottamazione-ter mentre le restanti 140 mila sono state quelle presentate per usufruire del saldo e stralcio. Come spesso accade, però, è proprio negli ultimi giorni che si registreranno i picchi delle richieste di adesione. Da qui, le previsioni che parlano di oltre un milione di contribuenti che alla fine avrà aderito alle due misure previste. Il Lazio è la regione con il maggior numero di domande presentate La classifica stilata dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione con i dati aggiornati allo …

Proteste dei commercianti

Genova, Ponte Morandi: riapre via Fillak. I commercianti: “Voi aprite, noi chiudiamo”

Riaperta via Fillak a otto mesi dal crollo del Ponte.DW – ROMA. Ponte Morandi a Genova continua a far parlare di sé: martedì 23 è stata, infatti, riaperta via Fillak, chiusa dopo il crollo dell’ormai famoso ponte lo scorso 14 agosto. Ma a beneficiarne, per ora, sarà soltanto il traffico veicolare. I pedoni, invece, possono ancora attendere. Sono stati presenti alla cerimonia il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il viceministro ai Trasporti Edoardo Rixi. Complice un forte vento che ha fatto scattare i sensori posti sul viadotto, la strada, aperta in mattinata, è stata chiusa poco dopo per circa mezz’ora. Proteste dei commercianti Intanto, presto sono infuriate le proteste di chi in quell’area lavora e che da mesi prova, senza alcun successo, a ottenere indennizzi o sospensione delle tasse. “Voi aprite, noi chiudiamo”: questi i cartello apparsi sui negozi della zona con i commercianti a denunciare il crollo degli introiti, passati da seicento a meno di venti euro al giorno. Un tracollo dal quale non si vede …