All posts filed under: ITALIA

Il Pm Di Matteo espulso dal pool “stragi”

Il sostituto Procuratore nazionale antimafia Antonino Di Matteo è stato espulso dalla “commissione stragi e mandanti esterni”, costituita recentemente per continuare il lavoro di indagine sulle stragi di mafia dal 92 al 94. L’obbiettivo della commissione è quello di trovare risposta ai tanti quesiti rimasti in sospeso. Il provvedimento contro Di Matteo, è reso “immediatamente esecutivo” ed è firmato dal Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, che lo aveva fortemente voluto all’interno della commissione da lui stesso istituita. Si estromette, così, senza troppe chiacchiere, quello che è diventato a tutti gli effetti l’erede del lavoro e dell’impegno antimafia del giudice Giovanni Falcone. La motivazione Recentemente il Pm Di Matteo aveva rilasciato un’intervista a LA7 nel programma condotto da Adrea Purgatori, “Atlantide”. Nel corso dell’intervista, in onda lo scorso 18 maggio, il Pm Di Matteo ha risposto alle domande del giornalista analizzando le piste che sono in discussione all’interno della commissione. Secondo la motivazione indicata nel provvedimento, tali dichiarazioni hanno creato una rottura nel “rapporto di fiducia all’interno del gruppo e con le direzioni distrettuali …

Giovanni Falcone: le sue idee camminano sulle nostre gambe

Dw-Roma. Era di sabato. Alle 17.58 Totò Riina compiva la strage pianificata per uccidere Giovanni Falcone, lo faceva attraverso le mani di Giovanni Brusca che azionava l’esplosione: cinque quintali di tritolo piazzati nel tunnel sotto l’autostrada, al chilometro 5 della A29, nei pressi dello svincolo di Capaci-Isola delle Femmine. Il giudice Giovanni Falcone muore nell’ospedale Civico di Palermo poche ore dopo, a causa delle emorragie interne. Anche la moglie Francesca Morvillo, che era seduta in auto al suo fianco, perde la vita. Uccisi nell’attentato Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, gli agenti della scorta di Giovanni Falcone, che precedevano il giudice su un’altra auto, la prima investita in pieno dall’esplosione. Io me lo ricordo. Ero solo una bambina, 9 anni di allora, troppo diversi da quelli di oggi: giocare all’aria aperta, niente smartphone, qualche cartone alla televisione, quando ancora li trasmettevano solo in alcune fasce orarie, poi dovevi staccarti per forza dallo schermo e inventarti qualcosa da fare. Stava per finire la scuola, anzi, la si poteva considerare conclusa. Non era il maggio di …

Sea watch 3 perchè l'Italia

Patronaggio, il pm anti-Salvini, fa sbarcare i migranti

Nell’agosto del 2018, il Ministro Salvini aveva negato lo sbarco ai 177 migranti che si trovavano sull’unità navale di soccorso Diciotti. Erano rimasti per giorni in attesa di poter toccare terra. Un’attesa interminabile, prima davanti alle coste di Lampedusa, poi nel porto di Catania. A seguito di ciò, il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio aveva aperto un’indagine contro Matteo Salvini per sequestro di persona, abuso d’ufficio e arresto illegale. L’archiviazione dell’indagine, richiesta dal procuratore Carmelo Zuccaro, non è stata accolta e il Tribunale dei ministri di Catania ha dato l’autorizzazione a procedere contro il ministro dell’Interno Salvini. Patronaggio contro Salvini Adesso, il pm di Agrigento Luigi Patronaggio è tornato nell’occhio mediatico con la decisione di far sbarcare a Lampedusa i 47 migranti a bordo della Sea Watch 3, posta ora sotto sequestro probatorio dalla procura di Agrigento. La decisione del pm Patronaggio ha fatto infuriare Salvini. “La difesa dei confini deve essere una decisione della politica, espressione della volontà popolare, o di magistrati e Ong straniere?” ha dichiarato il ministro dell’Interno.E così, il pm di …

Genova: bloccata nave saudita con carico di armi

Dw-Roma.La nave cargo Bahri Yanbu, battente bandiera saudita, è arrivata al porto di Genova poco dopo le 5:30 del mattino. Al suo interno, il carico di armi da guerra che ha come meta finale Gedda in Arabia Saudita. Le armi sono, con tutta probabilità, destinate alla guerra nello Yemen. Malgrado le rassicurazioni dell’armatore, che aveva escluso categoricamente che la nave trasportasse armi belliche, un centinaio di persone tra lavoratori portuali e cittadini, non si sono fidati e hanno atteso la nave per dimostrare tutta la propria disapprovazione. Tutti insieme per chiedere al governo attuale di interrompere gli accordi commerciali sugli armamenti con l’Arabia Saudita, come previsto dal trattato internazionale che prevede il divieto di vendere armi ai paesi coinvolti in conflitti di guerra per non alimentare azioni belliche e rendersi complici delle conseguenze drammatiche sulla popolazione. A denunciare giorni fa l’imminente arrivo della nave cargo, erano state le associazioni Amnesty International Italia, Rete per il Disarmo, Oxfam Italia, Greenpeace, Fundipau, Rete della Pace, Save the Children Italia, Comitato per la riconversione RWM e il lavoro …

Allarme dell’Ingv: il Radon sprigionato dall’Etna è pericoloso

Dw-Roma.L’Etna potrebbe essere la causa dell’insorgenza di tumori al polmone. L’Ingv (Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia) lancia l’allarme sulla pericolosità delle emissioni del gas radioattivo sprigionato dal vulcano Etna. Ogni volta che si apre una faglia, ad ogni scossone della terra, ad ogni nuova eruzione, si sprigiona nell’aria il pericoloso gas che arriva fino alle abitazioni.Ci si ammala lentamente con il gas radon. L’ultima grande scossa di terremoto (magnitudo 4,9), quella che ha devastato i territori diZafferana Etnea, Acireale, Aci Sant’Antonio, Aci Catena, Aci Bonaccorsi e Santa Venerina, risale al 26 dicembre del 2018, ma le scosse erano già iniziate da tempo, le emissioni di cenere e fumi non hanno mai smesso di susseguirsi: una serie di effetti collaterali ai quali gli abitanti alle pendici dell’Etna si sono pazientemente abituati. Ma che l’Etna fosse l’artefice di unavvelenamento continuo e subdolo, non ce lo si aspettava. Adesso è una possibilità ritenuta concreta. Il radon è un gas radioattivo naturale molto pericoloso per la salute, fuoriesce dalle crepe del terreno o ce lo ritroviamo direttamente dentro le nostre abitazioni, poiché è presente anche inalcuni materiali da costruzione (laterizi, cemento, graniti, tufi).Quando si disperde nell’aria, si espande rapidamente ed è considerato il più pericoloso dei gas negli ambienti chiusi. È un …

Nave saudita fa rotta verso Genova. La nave è carica di armi da guerra

DW-Roma. Sta per arrivare al porto di Genova una nave carica di armi da guerra battente bandiera saudita. A denunciare l’imminente approdo, previsto intorno al 18 maggio, sono le associazioni Amnesty International Italia, Rete per il Disarmo, Oxfam Italia, Greenpeace, Fundipau, Rete della Pace, Save the Children Italia,Comitato per la riconversione RWM e il lavoro sostenibile, Fondazione Finanza Etica e Movimento dei Focolari Italia.Amnesty International riferisce che la nave cargo Bahri Yanbu è partita dagli Stati Uniti e avrebbe toccato le coste di Regno Unito e Spagna, mentre la Francia non ha permesso di entrare nei propri porti dove avrebbe dovuto caricare otto cannoni semoventi. Il carico della morte sembra che sia di produzione belga. Bombe e munizioni che, con ogni probabilità, andranno a incrementare le azioni belliche e l’armamento per la guerra nello Yemen, che conta ad oggi 60 mila vittime e uno scenario di devastazione fra sfollati e feriti. La nave con al suo interno il carico di armi aveva già compiuto un viaggio simile a settembre del 2018. La meta finale è Gedda in Arabia Saudita, l’arrivo sarebbe previsto per il 25 maggio. Se il governo italiano consentirà l’approdo della nave nel porto ligure, che avverrà nel caso in cui ci sia un ulteriore e notevole carico di armi belliche …

raggi

Salvini contro il cardinale Konrad: “Ora paghi le bollette agli italiani”

DW-Roma.Torna la corrente elettrica nel palazzo ex-Inpdap a Roma,occupato dal 2013. La mano che ha permesso alle famiglie occupanti di poter usufruire nuovamente dell’elettricità, è quella del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere pontificio. Ha tolto personalmente i sigilli, calandosi nel pozzo, e ha permesso il riallaccio della corrente elettrica nel palazzo al centro di Roma in via Santa Croce in Gerusalemme. Un’azione della quale il cardinale Konrad rivendica pienamente la propria responsabilità, a nome del Vaticano, dichiarando che pagherà lui il debito. L’edificio era vuoto e in disuso dal 2010, il suo destino sarebbe stato, probabilmente, quello di essere venduto per passare nelle mani di chi avrebbe avuto abbastanza soldi per sfruttarlo ai fini commerciali. E invece, il 12 ottobre del 2013 quel palazzo è stato occupato, Action aveva così permesso a persone con grandi difficoltà di poter avere un riparo e una casa. Una soluzione estrema, ma umana, che ha dato l’indispensabile a chi non aveva niente. Certo, quel palazzo non era fatto per creare delle abitazioni, i locali sono stati riadattati alla meglio, ognuno ha la propria piccola zona privata, molti spazi sono zone da condividerecon gli altri occupanti. I sotterranei sono diventati il centro di una vita che si muove, reagisce, tenta di conquistare una realtà nuova e una dignità …