Civiltà Maya: collassò per una guerra civile?

Civiltà Maya: collassò per una guerra civile?
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

Dw-Roma.Degli archeologi hanno recentemente scoperto nel giungle del Belize, due trofei di guerra a forma di teschio, i quali possono aiutare a far luce sul crollo della civiltà dei Maya. Si tratta di veri e propri teschi umani dipinti, pensati per essere portati al collo come pendenti, che furono seppelliti da un guerriero più di mille anni fa a Pacbitun, una città Maya. Probabilmente sono dei simboli, seppur macabri, di forza militare: trofei di guerra costruiti con le teste dei nemici sconfitti.Entrambi gli oggetti sono simili a quelli indossati dai soldati vittoriosi delle antiche sculture in pietra e dipinti su vasi di ceramica di diversi siti Maya. I fori probabilmente servivano ad inserirci piume o cinghie di cuoio. Macchie di vernice rossa decorano una delle mascelle e su di essi è incisa una frase in geroglifico, che secondo Christophe Helmke, un esperto di scrittura Maya, potrebbe essere il primo esempio conosciuto del termine Maya per indicare un ‘teschio trofeo’. Ma cosa significano questi teschi? Possono darci degli indizi sulla fine di un potente sistema politico che ha prosperato per secoli, passando per il Messico sud-orientale, a tutto il Guatemala, al Belize e a parti dell’Honduras e del Salvador?

Come scomparve la civiltà Maya?

Il vasto impero Maya si sviluppò in tutta l’America centrale, con le prime grandi città che furono costruite tra il 750 e il 500 a.C. Ma, a partire dall’ottavo secolo d.c, le popolazioni iniziarono ad abbandonare le principali città Maya in tutta la regione. Gli archeologi sono affascinati dal mistero di ciò che chiamiamo ‘il collasso’ di questo impero un tempo estremamente potente.Potrebbe essere stato il degrado ambientale legato al sovrappopolamento dei maggiori siti? Una guerra? Perdita di fiducia nei propri leader? Cause climatiche come la siccità? Chiaramente la violenza e la guerra hanno contribuito a sterminare diverse città delle pianure meridionali, come dimostrano le fortificazioni costruite in quel periodo. I trofei di guerra a forma di teschi, insieme ad un’ampia lista di reperti provenienti da altri siti in Belize, Honduras e Messico, potrebbero essere la prova che il conflitto sia stato di natura civile, e che abbia visto da un lato le potenze del nord, e dall’entro le dinastie radicate del sud.

Il ruolo della guerra nella civiltà Maya

Gli archeologi non sono interessati solo a identificare i tempi e i fattori sociali e ambientali associati al collasso della civiltà Maya. La loro attenzione è rivolta a comprendere in che modo specifiche comunità e i loro leader hanno affrontato il collasso della civiltà. Se da una parte le prove raccolte dei teschi trofeo non dimostrano totalmente che i siti in alcune parti delle pianure meridionali sono stati invasi dai guerrieri del nord, dall’altra il loro ritrovamento, ci fa capire molto sul ruolo della violenza e, potenzialmente anche della guerra, come una delle cause della fine dell’ordine politico Maya nel Belize centrale.Questi oggetti, seppur macabri, rappresentano un elemento in più per comprendere il dilagare degli eventi che hanno portato alla fine di una delle culture più ricche, sofisticate e scientificamente avanzate del suo tempo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.