Cos’è il jihad

Cos’è il jihad
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

Dw-Roma. Spesso, molte persone confondono i termini jihad e terrorismo. Questo è in parte perché molti commentatori utilizzano la parola ‘jihadista’ per indicare i musulmani radicali e violenti. Ad incrementare questa convinzione è il fatto che, tali radicali hanno invocato il jihad per giustificare i loro atti nefasti, come gli attacchi dell’11 settembre al World Trade Center e come è accaduto nelle più recenti operazioni del gruppo di Stato islamico (noto anche come ISIS). D’altra parte questi atti sono stati fortemente condannati da numerosi religiosi e studiosi musulmani per ragioni islamiche. I musulmani radicali e violenti che tentano di giustificare il terrorismo con motivazioni religiose spesso travisano le fonti sacre che citano.

Jihad, secondo la legge islamica

Il termine arabo jihad significa letteralmente ‘lotta’ o ‘sforzo’. Questo termine appare nel Corano in diversi contesti e può includere varie forme di lotte nonviolente: ad esempio, la lotta per diventare una persona migliore. Questo rientra nella categoria di ‘jihad del sé’, un argomento importante nelle opere devozionali islamiche.Tuttavia, nel contesto specifico della legge islamica, il jihad generalmente indica una lotta armata contro gli estranei. Gli studiosi medievali di diritto islamico delineavano due forme fondamentali di jihad armato: jihad difensivo, lotta armata contro gli invasori; e il jihad aggressivo, un attacco preventivo o offensivo commissionato da un’autorità politica. Non sorprende che gli studiosi musulmani abbiano dibattuto a lungo su quando è possibile giustificare esattamente la guerra.

La regola dell’immunità civile

Molto meno controversa, tuttavia, è la regola generale secondo cui diverse categorie di civili non devono essere prese di mira. Questa regola dell’immunità civile è così largamente accettata che è anche generalmente riconosciuta dai musulmani violenti e radicali. Quando tentava di giustificare l’11 settembre, per esempio, Osama bin Laden sosteneva, tra le altre cose, che i civili americani potevano essere presi di mira dal momento in cui, le forze americane avevano in precedenza preso di mira i civili musulmani. Per giustificare l’attentato, bin Laden citò gli scritti di studiosi musulmani medievali come al-Qurtubi. Tuttavia, al-Qurtubi ha effettivamente espresso l’esatto contrario: <<i civili non dovrebbero mai essere presi di mira come deterrente>> . Questo è solo un esempio del perché è fondamentale non confondere le interpretazioni dei più sul jihad, con il terrorismo musulmano.

Leave a Reply

Your email address will not be published.