DECRETO SICUREZZA BIS Cosa prevede

DECRETO SICUREZZA BIS Cosa prevede
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

DW-Roma.Dopo settimane di attesa, discussioni, proteste e manifestazioni nelle piazze italiane da parte di alcuni gruppi contrari, il decreto sicurezza bis ha ricevuto il via libera per la sua applicazione dal Consiglio dei Ministri.

L’ideatore del Decreto Sicurezza bis è il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini. Il ministro dell’interno da sempre si è dichiarato molto attento alle problematiche riguardanti la sicurezza in Italia. 

Gli articoli di questo decreto sono 18 e riguardano diversi temi. 

principali temi trattati sono:- Tema “Porti chiusi”: In questo punto hanno un ruolo fondamentale il ministro dell’interno insieme al ministro della difesa e al ministro delle infrastrutture e dei trasporti eil presidente del consiglio dei ministri. Questi potranno limitare o vietare l’ingresso, transito o sosta di navi per motivi di pubblica sicurezza. Nel caso in cui il comandante della nave per diverse volte non osservi i divieti, sarà possibile anche confiscare la sua nave;- Ordine pubblico: sono state inasprite le sanzioni per chi aggredisce le forze pubbliche in piazza. Questo punto è stato molto dibattuto. I contrari asserivano che questo punto del decreto potesse minare la libertà di manifestazione. E’ stato specificato in seguito, nello stesso decreto, che saranno prese in considerazione solo gli episodi che prevedono reale pericolo;- Assunzioni: “Il ministero della Giustizia è autorizzato ad assumere, per il biennio 2019-2020, con contratto di lavoro a tempo determinato di durata annuale un contingente massimo di 800 unita’ di personale amministrativo non dirigenziale”;- Violenza negli stadi: In questo decreto sono contenute anche delle misure di contrasto per violenza negli stadi o in manifestazioni sportive. Il Daspo è previsto per tutti coloro che sono stati parte attiva di episodi di violenza sia in Italia che all’estero durante manifestazioni sportive;- Rimpatri: Il tema dei rimpatri è toccato dall’articolo 12 del decreto Sicurezza che incentiva i rimpatri degli stranieri irregolari. Verrà infatti istituito un fondo rivolto anche alla “contrazione dei flussi migratori.

“Gli episodi di violenze durante pubbliche manifestazioni debbono prevedere un concreto pericolo per le persone.” Il ministro Salvini ha usato queste parole per rassicurare i più preoccupati, tuttavia, non è chiaro il livello di soggettività che potrà essere utilizzato per definire una situazione pericolosa o meno.

Per quanto riguarda il tema dell’immigrazione incontrollata il ministro Salvini si è esposto in questo modo: “Nel contrasto ai trafficanti di esseri umani potranno essere usati agenti sotto copertura, anche ricorrendo allo strumento delle intercettazioni”. Si prevede una lotta strenua contro chi trasporta clandestini e chi risiede irregolarmente in Italia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.