Desk news, ITALIA, LIFESTYLE
Leave a comment

Zucca: proprietà e benefici, varietà siciliana e ricette sicule

Condividi l'articolo che stai leggendo

DW-ITALIA.La zucca è uno degli ortaggi tipici del periodo autunnale; si semina fra aprile e maggio e si raccoglie da settembre fino alla fine di novembre. Esistono molteplici varietà di zucca, le zucchine sono suoi parenti stretti, anche se le caratteristiche estetiche e organolettiche cambiano notevolmente.

La zucca è un ortaggio umile e nobile allo stesso tempo perché ricco di acqua, fibre e sali minerali, vitamine del gruppo A, B e C, betacarotene, potassio, calcio, fosforo, selenio, zinco e magnesio. Ha proprietà antiossidanti e grazie alla presenza di Omega-3 contrasta la formazione di placche nel sangue ed è un grande alleato contro l’aumento dei livelli di colesterolo e di trigliceridi.

Oltre ad aiutare la circolazione, è un alimento digeribile, fa bene alla vista e, non a caso, come molti degli ortaggi che la natura ci dona nel periodo autunnale per contrastare i virus influenzali e lo stress fisico dovuto all’abbassamento delle temperature, la zucca aiuta a rinforzare il sistema immunitario.

È un ortaggio dal sapore dolce, ma è a basso contenuto glicidico e lipidico, dunque diventa un’ottima pietanza per le persone con diabete o per chi segue una dieta ipocalorica.

È annoverata fra i rimedi naturali per le sue proprietà digestive e diuretiche, oltre che come calmante in sostituzione alla camomilla. Ottima per le sue proprietà lenitive ed idratanti, la zucca diventa anche un’ottima maschera casalinga per la pelle. Inoltre, i semi di zucca possono essere utilizzati come rimedio naturale per realizzare un decotto contro i parassiti intestinali.

La zucca Virmiciddara: varietà siciliana

In Sicilia esiste un tipo di zucca poco conosciuto, se non addirittura ignoto al resto d’Italia: si tratta della zucca Virmiciddara, tipica della zona occidentale dell’isola, nelle zone del palermitano e più precisamente a Monreale.

Zucca Virmiciddara di Monreale

La zucca gialla è, invece, la più diffusa nell’isola siciliana ed è utilizzata per le ricette più disparate, dai primi ai secondi piatti, fino ai dolci tipici a base di zucca.

Ti può interessare anche:  Giornata della memoria: una ferita da non lasciare rimarginare

La ricetta più veloce per cucinare la zucca alla maniera siciliana è quella tipica della Zucca in agrodolce: è sufficiente privare la zucca della buccia, tagliarla a fettine, friggerla in olio aromatizzato da uno spicchio di aglio. Quando le fette di zucca si saranno dorate, basterà posizionarle in un piatto da portata, condirle con sale e irrorarle con due dita di aceto bianco leggermente zuccherato.


Fra i dolci tipici siciliani più sfiziosi a base di zucca non posso non menzionare gli Sfinci, dolci fritti che possono essere anche realizzati in altre versioni che rendono questi dolci molto diversi fra loro, ad esempio la versione con patate, o quella alla crema, alla ricotta oppure a base di riso. Gli sfinci alla zucca sono semplici da preparare e, da buona siciliana, voglio condividerne con voi la ricetta.

Cuocete a vapore 1 kg di zucca, precedentemente privata di buccia, semi e filamenti. Successivamente, riducetelo in purea dentro ad una terrina.

Sciogliete 20 gr di lievito di birra in una tazza di latte tiepido e unite 300 gr di farina, mescolate fino ad ottenere una morbida pastella. Incorporate alla pastella la purea di zucca, un pizzico di sale, 50 gr di uva passa e lasciate lievitare il tutto per un’ora e mezza circa.

Quando sarà trascorso il tempo necessario alla levitazione del composto, scaldate in un tegame una quantità di olio sufficiente a coprire e friggere uniformemente i dolcetti che formerete man mano.

Per procedere alla forma e alla cottura, vi basterà raccogliere una piccola quantità di impasto con un cucchiaio e, aiutandovi con un altro cucchiaio, far scivolare velocemente l’impasto nell’olio bollente.

Ti può interessare anche:  Glifosato: cos’è, storia, restrizioni in Italia e Ue, pericolosità dell’erbicida più controverso

Appena gli sfinci saranno gonfiati e ben dorati, prelevateli dall’olio, sgocciolateli e riponeteli su carta da cucina e, infine, cospargeteli di zucchero e cannella.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *