Il leone e la giornata mondiale dedicata al re della savana

Il leone e la giornata mondiale dedicata al re della savana
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

Il 10 agosto si celebra il leone, il re della savana

DW – Roma. Il 10 agosto è una data speciale, tutti gli anni, infatti, si celebra la Giornata Mondiale del Leone. Simbolo di forza e fierezza, il grande mammifero è da sempre considerato uno degli animali più affascinanti e potenti. Il suo ruggito è udibile fino a 8 km di distanza e la sua fama lo ha portato a essere il protagonista di molte leggende e di racconti epici. Tanta bellezza che rischia di svanire. Il WWF Italia, proprio in questi giorni, ha spiegato come il leone africano sia minacciato all’estinzione. In 25 anni gli esemplari sono diminuiti del 43% e in soli 10 anni la popolazione di leoni africani è passata da 100mila a circa 30.000 esemplari. Dati che destano la preoccupazione delle associazioni ambientaliste.

Le cause della minaccia al futuro dei leoni africani

Il dato che abbiamo riportato è davvero allarmante, se si pensa che quasi la metà degli esemplari di leone vive in riserve protette. Il WWF spiega come le cause di questa tragedia siano da attribuire a molti fattori esterni, spesso prodotti dall’azione sconsiderata dell’uomo. La distruzione del loro habitat naturale è sicuramente la problematica più grande. La riduzione dell’area vivibile si è ridotta fino all’8%. Ciò ha portato, non solo alla diminuzione degli esemplari di leoni, ma anche a un decremento di fauna locale. Gazzelle, zebre, bufali e tante altre specie sono letteralmente ridotte all’osso. Un altro triste fattore è il commercio illegale di ossa di leone. Il bracconaggio è una piaga della nostra società, che si è miserabilmente abbattuta contro questa fiera, per soddisfare la richiesta sempre più alta di prodotti di medicina naturale, tanto apprezzati in Asia. Persino i conflitti tra le comunità locali incide sul numero di leoni ancora presenti sul territorio, spesso vittime di ritorsioni da parte degli allevatori di bestiame.

L’impegno del WWF a salvaguardia della specie

Sono decine gli interventi che l’associazione ambientalista più importante del mondo porta avanti per proteggere il leone. Alcuni mirano alla pacificazione dei disaccordi tra le popolazioni locali, per sensibilizzare alla salvaguardia della specie e per istruire sulla lotta al bracconaggio. Altri interventi, invece, hanno basi scientifiche. I leoni, infatti, vengono monitorati grazie a radio collari, posizionati sugli animali per poter osservare il loro comportamento, i loro spostamenti e le loro esigenze. Un progetto molto significativo è stato avviato con il programma internazionale TRAFFIC, promosso dalla collaborazione tra WWF e IUCN, per osservare e combattere il commercio illegale di molte specie animali e vegetali. Per sostenere la lotta contro il bracconaggio e la distruzione del suo habitat, il WWF sostiene progetti di ecoturismo e scientifici per il monitoraggio della specie. Per aiutarli in questa battaglia possiamo donare seguendo questo link: https://sostieni.wwf.it/aiuta-il-leone.html. Salviamo il re della savana, per sentire il suo maestoso ruggito risuonare ancora a lungo!

Leave a Reply

Your email address will not be published.