Minibot cosa sono e perchè il governo ricorre a questi

Minibot cosa sono e perchè il governo ricorre a questi
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

Dw-Roma.Dopo le elezioni europee da cui la Lega è uscita trionfante, è riemerso prepotentemente il tema dei “minibot”.

L’ideatore di questo nuovo strumento di debito è Claudio Borghi, Presidente della Commissione Bilancio della Camera dei deputati. 

Cosa sono i minibot

I minibot sono dei Buoni ordinari del tesoro di piccolo taglio, dal valore di 5, 10, 20, 50 e 100 euro. La pubblica amministrazione con questo strumento potrebbe pagare i debiti contratti nei confronti di tutte quelle aziende che hanno già offerto un servizio/prodotto.

Ci sono però dei lati controversi che riguardano questi strumenti: 1) Potrebbero essere assimilati come una tipologia di moneta complementare; 2) Possono essere considerati debito che quindi porterebbero un aumento del debito dello Stato.

Lo stesso Mario Draghi presidente della Banca Centrale Europea ha esposto un parere contrario a questo nuovo strumento: «I minibot o sono moneta, e allora sono illegali, oppure sono debito, e allora il debito sale. Non vedo una terza possibilità».

I minibot sarebbero stampati, cartacei, come delle banconote e potrebbero essere utilizzati per servizi legati allo Stato, ad esempio per pagare tasse, fare acquisti in negozi, bar, ristoranti e così via.

Di Maio in seguito al parere negativo del Mef e del ministro dell’economia Tria, ha dichiarato con un post su Facebook: 

“Il Mef dice che sono inutili e che è sufficiente pagare le imprese, allora lo faccia. O che studi un piano per iniziarlo a fare! Perché qui stanno sempre tutti zitti, fermi, immobili, poi appena qualcuno propone qualcosa si svegliano e dicono “ah, no, non si può fare”. Se lo strumento per pagare le imprese non è il minibot, il Mef ne trovi un altro. Ma lo trovi, perché il punto sono le soluzioni, non le polemiche, né le presunte ragioni dei singoli.”

Intanto alcune agenzie di rating come Moody’s esprimono le preoccupazioni del mercato perché la creazione di uno strumento di questo tipo potrebbe essere considerato dai mercati la preparazione all’uscita dalla moneta unica. Lo stesso Borghi, ideatore dei minibot, solo 2 anni fa definiva questo strumento come un paracadute che sarebbe servito nel momento in cui l’Italia avesse abbandonato l’euro. Borghi, tuttavia, ultimamente ha dichiarato: “Se io stessi progettando un’uscita unilaterale dalla moneta unica farei ben altre cose. L’ipotesi non è contemplata dal programma di governo, e al momento credo non trovi nemmeno il consenso della maggioranza degli italiani”

Il Presidente del Consiglio Conte ha annunciato che martedì si incontrerà con i due vice-premier per discuterne al meglio di questo tema del loro programma e si è dimostrato soddisfatto che i toni di lite e accuse reciproche della campagna elettorale sembrino ormai superati.  

Leave a Reply

Your email address will not be published.