DAL MONDO, PALESTINE
Leave a comment

Palestina, un archivio ottomano ne evidenzia l’esistenza della stessa

palestina
Condividi l'articolo che stai leggendo

La Turchia ha fornito all’Autorità Palestinese un archivio ottomano che dimostri la proprietà palestinese della Palestina

Di Batool Abdullah

DW(PALESTINA).Nonostante molti tentativi di eliminare la storia della Palestina e la verità della sua origine, l’Autorità palestinese ha finalmente confermato di aver ottenuto una copia dell’Archivio Ottomano, che include milioni di manoscritti storici e la registrazione immobiliare di documenti che provano che le terre palestinesi erano state governate dall’Impero Ottomano durante il periodo 1516-191, e questo è anche prima che l’immigrazione israeliana in Palestina iniziasse.

Il rettore della Fondazione per il Rilancio del Patrimonio e la Ricerca Islamica (Carta), consigliere Khalil Qarajah Al-Rifai, ha dichiarato che la Fondazione ha ottenuto i documenti dalla Repubblica Turca nell’aprile 2018 e li mantiene a scopo scientifico ricerca e per documentare la narrazione storica palestinese e confermare la prova della proprietà palestinese delle terre alla luce dell’attacco insediamento e cercare di controllare immobiliare palestinese.

La Carta è un’istituzione palestinese legata al ministro di Awqaf, gli Affari religiosi palestinesi, e l’istituzione è stata in grado di ottenere i documenti grazie a un memorandum d’intesa con l’archivio ottomano e in collaborazione con la Palestina Ministero degli Affari Esteri rappresentato dall’ambasciata palestinese in Turchia.

Ha aggiunto che questi documenti sono copie elettroniche certificate, e chiunque può vederli e beneficiarne nel quadro delle difese legali e della ricerca scientifica dopo aver preso il permesso dall’Autorità dei Territori Palestinesi.

“Questi documenti sono un diritto palestinese, e noi siamo un popolo orgoglioso della sua storia, e avremmo dovuto ottenere una copia della nostra storia scritta per qualche tempo”, ha aggiunto Al-Rifai.

palestina

Al-Rifai ha indicato che i documenti ottomani includevano documenti fondiari in Cisgiordania, Gerusalemme e Gaza, e che aveva contribuito a confermare la proprietà palestinese del patrimonio immobiliare a Gerusalemme, anche contribuito a dimostrare la proprietà delle dotazioni islamiche di terre sequestrate dalla gente in Cisgiordania. Pertanto, gli avvocati palestinesi a Gerusalemme utilizzano questi documenti e li assistono nelle loro battaglie legali sull’acquisizione di molte terre.

Ti può interessare anche:  Attacco a Gaza, storie di una normalità che stenta ad arrivare

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *