Desk news, ITALIA, NOTIZIE IN EVIDENZA
Leave a comment

Raggi nuovo scandalo intercettazioni

raggi
Condividi l'articolo che stai leggendo

Questa volta a preoccupare i vertici del m5 stelle sono gli audio resi pubblici da L’ESPRESSO tra l’ex dirigente ama Bagnacani e la sindaca Raggi

DW-Roma. Sono stati depositati in procura gli audio tra l’ex dirigente ama Bagnacani e la sindaca Virginia Raggi riguardanti il bilancio di Ama.

Negli audio pubblicati dall’Espresso la sindaca Virginia Raggi parla di una Roma fuori controllo dove i cittadini vedono una città sporca. L’ex dirigente di Ama dichiara che sono state fatte pressioni su di lui per modificare il bilancio.

La sindaca Raggi ieri è apparsa in tv a Piazza Pulita trasmissione in onda su la7 per difendersi dalle accuse. Alle domande sulla situazione di Roma la Raggi rispondeva piccata, ma il conduttore faceva notare che proprio l’ ex sindaca in passati appuntamenti televisivi dichiarava che Roma non aveva grandi problemi eppure oggi la sindaca dichiara il contrario?.

La situazione di Roma è sotto gli occhi di tutti e questi super-manager sono stati nominati proprio dalla sindaca Raggi che oggi vorrebbe tagliarsi fuori da queste discussioni.

L’attenzione è quasi scontato scriverlo si è poi spostata sul ministro Salvini e con una battuta la sindaca Raggi ha dichiarato:” Invece di cambiarsi le felpe andasse a lavorare”.

Tra i due schieramenti movimento 5 stelle e lega volano gli stracci con dichiarazioni che vanno a ledere quello che è il rapporto di fiducia che si era creato all’interno del governo.

Ieri abbiamo visto e sentito in tv le dichiarazioni dei due leader dove Salvini invitava la sindaca a dimettersi e Di Maio invitava a far lo stesso a Siri.

Raggi invita la lega a restituire i 49 milioni presi .

Ti può interessare anche:  Italia-Cina tra fake news e verità

Oggi? vedremo cosa accadrà in questo clima da campagna elettorale che prosegue da mesi, giorni, senza che si veda una luce su quelli che sono i reali problemi del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *