Matteo Salvini tra i 100 più influenti al mondo

Matteo Salvini tra i 100 più influenti al mondo
Tempo di lettura stimato: 2 minutes

DW-Roma.Secondo il periodico Time, Matteo Salvini è tra i più influenti leader mondiali.

A vent’anni dalla prima pubblicazione della lista delle cento persone più influenti del XX secolo, il settimanale Time, sull’attuale Time100, accoglie tra le sue citazioni Matteo Salvini.

Dal primo vanto nostrano che si aggiudicò nel 2006 il merito, l’architetto Renzo Piano, diversi sono i nomi italiani che si sono fatti posto tra i “big” raccontati.

Oggi è il nostro Ministro dell’interno a ricevere gli elogi delle celebri pagine americane.

Steve Bannon, direttore esecutivo della campagna che portò Donald Trump alla Casa Bianca, ne tesse qui le lodi.

Matteo Salvini

Matteo Salvini è descritto come il più anticonvenzionale dei politici; “He came, he saw, he Facebooked—live”, “E’ venuto, ha visto, ha fatto una diretta Facebook” scrive Bannon; la sua stessa “campagna elettorale 2.0”, una campagna “face to face e Face…book”, dibattito di piazza in diretta social, è qui definita come cardine rivoluzionario che ha debellato la sottomissione dell’Italia ai vertici europei dandole voce, posto e potere d’azione.

L’articolo, non mancando il rimando alle iniziali difficoltà di formazione del governo e agli scontri in sede europea, pone poi attenzione sull’attuazione della sua politica plaudendone i risultati nel campo dell’immigrazione clandestina e sulla riuscita riduzione della tratta degli esseri umani.

Matteo Salvini resurrected Italy’s national pride”, “Matteo Salvini ha fatto risorgere l’orgoglio nazionale italiano”, così prosegue il giornalista e così si complimentano i sostenitori sui social network qualificandolo con il titolo di “Capitano” ed “Orgoglio italiano”.

Steve Bannon, lo stratega della White House, come viene in ultimo definito dal Time, conclude rappresentando il nostro vicepresidente del consiglio come “il politico più discusso in Europa” e prospettandolo come “il più potente” a seguito delle prossime elezioni parlamentari europee.

Tra le voci critiche, lo specialista di scienza dell’opinione pubblica e sociologia della comunicazione, Massimo Panarari che, su formiche.net, descrive come l’elogio al politico da parte di Bannon sia per Salvini un “giocare in casa”, i due hanno infatti stretto non lontane alleanze ideologiche e posseggono evidenti similarità nelle scelte strategiche in campo comunicativo.

Il Ministro Salvini ha commentato questo riconoscimento con nota ironia “Dipende da chi sono gli altri 99. Ne sono orgoglioso, ma prosegue aggiungendo “orgoglioso della fiducia degli italiani, al di là del Time”.

Nella categoria dei Leader, assieme a Matteo Salvini, il settimanale da rilevanza a diversi personaggi di spessore ed attuale risalto, tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, la giovanissima attivista ambientalista svedese Greta Thunberg, il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó e Papa Francesco.

Tra le cinque categorie di rilevanza (Pionieri, Artisti, Leader, Icone, Titani) con le quali il Time celebra i suoi personaggi di spicco, quest’anno sono tre le firme italiane; con Matteo Salvini trovano gli applausi il cuoco Massimo Bottura (tra i Pionieri) ed il designer di casa Valentino Pier Paolo Piccoli (tra le Icone).

A fare compagnia internazionale a Bottura e Piccoli, si trovano, tra gli altri, l’attrice Sandra Oh per la categoria dei Pionieri ed il regista, produttore, attore Spike Lee tra le Icone.

Nessun compatriota invece, fiancheggia tra gli Artisti, l’attore, wrestler e produttore cinematografico Dwayne Johnson e tra i Titani, il creatore di Facebook Mark Zukerberg. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.