Samara, Teresa e i cecchini sui social

Samara, Teresa e i cecchini sui social

Tempo di lettura stimato: 1 minute

DW-Roma.Teresa Bellanova è diventata ministro dell’agricoltura. Apriti cielo. Neanche il tempo di leggere la notizia e i cecchini appostati sui social caricano a testa bassa: “quella donna è troppo grassa per fare il ministro”.

La storia si ripete. Una sventurata arriva al successo senza possedere le stimmate della perfezione. Questo torto non va giù agli avvelenatori seriali dei pozzi, che le rigurgitano addosso ogni forma di insulto. Questi scombussolati sociali sono facilmente riconoscibili: incapaci di sorridere alle imperfezioni e sempre alla ricerca di qualcuno che se la passi peggio loro. La loro speranza è che questo possa rinvigorire la loro fragile struttura di uomini.

Non è facile nemmeno difendere la neo ministra Teresa. Difenderla pubblicamente è più rischioso di una nuotata assieme ai piranha. Ti potrebbero etichettare come buonista, o peggio, come esponente del pd. In questa edizione speciale della battaglia alla civiltà si è contraddistinta una gentile signora, che alla notizia ha reagito con garbo: “Cuesta skrofa a mangiato il parlamento”.

E’ evidente che un’architettura linguistica così disinvolta, la candidi automaticamente a ruolo di sotto segretario alla pubblica disistruzione. In attesa che una scintilla di umanità penetri la corazza che ci avvolge, confidiamo in Samara: magari uscirà davvero dalla televisione e ci accorgeremo che le nostre paure sono solo limiti da superare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.