Sale destra Eu nei sondaggi, Salvini lancia il suo Manifesto dei sovranisti

Sale destra Eu nei sondaggi, Salvini lancia il suo Manifesto dei sovranisti

DW – Roma. Un sondaggio condotto dal Parlamento europeo prevede la conferma del dominio del blocco di destra in Parlamento guidato dal Partito Popolare Europeo (PPE). Se la Gran Bretagna sceglierà di uscire o comunque non parteciperà alle elezioni di fine maggio, PPE potrebbe aggiudicarsi fino i 3/4 dei seggi alla prossima legislatura. Mattero Salvini intanto si prepara a presentare il Manifesto dei sovranisti.

Gli altri partiti europei nel sondaggio

Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) otterrebbe un aumento dei propri seggi mentre la Lega di M. Salvini passerebbe dagli attuali 22 a 28 deputati.

Europa delle Nazioni e delle Libertà (ENF) è destinato quasi al raddoppio dei propri seggi passando da 37 a 61 e il blocco di destra nel parlamento europeo potrebbe espandersi fino ad essere il quarto gruppo più grande dopo i liberali.

Gruppo dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE) resta nei sondaggi il terzo partito più grande nella camera e potrebbe aumentare qualora Repubblica in Marcia di Macron decidesse di unirsi. Il primo partito nazionale tedesco Unione Cristiano-Democratica resterebbe nella stessa situazione di oggi. 

Salvini presenterà il suo Manifesto dei sovranisti

Intanto in Italia l‘8 aprile Matteo Salvini renderà noto il Manifesto dei sovranisti di concerto col tedesco Alternativa per la Germania (Afd) per l’affermazione di un blocco popolare, populista ed euroscettico delle destre xenofobe europee. Sono circa 20 partiti attesi a Milano mentre sarebbe pronto un accordo da concludere a fine elezioni col polacco Diritto e Giustizia di Kaczynski.

Nel manifesto si affermano comuni radici cristiane, difesa dell’identità nazionale, supremazia della Costituzioni italiana su leggi e direttive europee.

Obiettivi e principi del programma di Salvini; barriere, lotta all’immigrazione e protezione delle frontiere esterne. Rimpatri e nessuna Relocation di migranti tra i Paesi europei. Rivedere ovvero bloccare i finanziamenti europei verso la Turchia. Impedire la supremazia di Francia e Germania e azzerare la politica di austerità affinché i governi siano indipendenti nel tracciare la propria politica economica. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.