All posts tagged: economia

I guadagni più alti? Li trovi a San Francisco

Voglia di alti guadagni? Manda il tuo curriculum a San Francisco

DW-Roma.A San Francisco si guadagna di più. A Milano si spende di più. Si collocano, infatti, tra le città più care al mondo se volete passare un weekend romantico con la vostra dolce metà anche se, per un cappuccino o un caffè, sono tra le più economiche. Parliamo di Milano e Roma, rispettivamente finite al 35mo e al 40mo posto nella classifica delle città più care tra le 56 finanziariamente più rilevanti nel mercato globale. Lo studio – Rapporto annuale “Mapping the world’s prices” – è stato redatto da Deutsche Bank e vi trovano posto prezzi, qualità e stili di vita nelle diverse città sparse per il pianeta. Con il Rapporto di quest’anno, Deutsche Bank arriva alla sua ottava edizione ma quest’anno i ricercatori hanno voluto tenere conto di un maggior numero di città guidati anche dalla necessità di considerare l’impatto che gli stili di vita hanno nel mercato finanziario globale. Volete guadagnare di più? San Francisco è la vostra meta ideale Partiamo allora dai centri dove gli stipendi danno le maggiori soddisfazioni. E no, …

Bruxelles bacchetta Roma e taglia le previsioni sul Pil

Bruxelles bacchetta Roma e taglia le previsioni sul Pil

DW – Roma. Italia in affanno per crescita, investimenti, occupazione. E si ritaglia così l’ultimo posto nella graduatoria dei paesi UE con la Commissione che, nelle sue previsioni, quando guarda al Belpaese, vede profondo nero. Che, tradotto in numeri, significa un taglio netto: stime del Pil al lumicino con +0,1% per il 2019 e +0,7% per il 2020. E se è vero che per quest’anno il nostro Paese è seguito dalla Germania che fa registrare un +0,5%, per il 2020 sarà tutta una corsa in solitaria con una previsione che ci vede ancora sotto l’1% mentre la Germania sarà già all’1,5%. Maglia nera anche per investimenti e occupazione Un primato del quale faremmo decisamente a meno è anche quello degli investimenti, settore nel quale siamo l’unico paese in Europa a vedere evidenziato un dato negativo: -0,3%, sempre per il 2019, a fronte di un implacabile +2,3% della media UE. Anche se poi l’Italia sembra in risalita per l’anno successivo. L’occupazione è l’altro settore nel quale sfoggiamo, unici in Europa, un dato negativo con un -0,1%. …

Cara Pasqua, mi costi, ma quanto mi costi…

DW – ROMA. Cara Pasqua, anzi carissima… Perché, a feste appena passate e con la Colomba e lo spumante ancora sulla tavola imbandita per amici e parenti, si comincia con il fare un po’ di conti. Per chi è rimasto a casa (il 65% degli Italiani) e per chi ha deciso di passare qualche giorno fuori città, magari approfittando dei diversi ‘ponti’ infrasettimanali. E, allora, eccoci pronti con blocco notes e penna – o foglio Excel, per i più tecnologici – a mettere in fila le spese avute e quelle ancora da sostenere. Sì perché in molti rientreranno dopo la festa del Primo Maggio. E lì ci saranno altre sorprese. Ma andiamo con ordine. Spesa media 70 euro a famiglia per chi è rimasto in città Cominciamo da chi è rimasto a casa e ha aperto le porte a parenti e amici per il tradizionale pranzo pasquale. Ha speso in media, secondo stime della Coldiretti, circa 70 euro a famiglia tra dolci, bevande, pietanze tipiche regionali consumate tra le quattro mura della propria abitazione come …

Pay gap e l’abissale differenza di stipendio

DW-Roma. Cos’è la pay gap? Obbligatoria negli Stati Uniti dallo scorso anno, misura la differenza tra il salario del capo dell’azienda e quello del dipendente mediano. Se da un lato mette in luce i veri dati, dall’altro alimenta reazioni negative e risentimento di chi si trova in fondo alla classifica. Infatti, i dati che arrivano dalle aziende americane alla Sec, la Consob Usa, confermano il risaputo “gap” tra le diverse classi di lavoratori. Grazie alla documentazione fornita all’autorità di controllo dei mercati finanziari si può rilevare il “ceo pay ratio”. Con questo dato infatti si scopre il numero di volte in cui la remunerazione del boss dell’azienda è maggiore rispetto a quella del lavoratore. Ad oggi la pay gap non è ancora prevista in Italia, ma chissà a quali sorprese dovremmo prepararci in caso venisse messa in atto. Un divario destinato ad aumentare Il risultato che emerge è che il divario, già notevole di suo, sta ulteriormente aumentando: secondo le dichiarazioni della società Equilar al “Financial Times”, il “pay ratio” di un dipendente mediano per …