All posts tagged: Yemen

Redhwan Al-Sharif

Interview with Redhwan Al-Sharif

Yemeni journalist Redhwan Al-Sharif: “Trapped in my country for my profession” by Anna Lisa Maugeri DW(ITALIA).Being a journalist is a mission in some areas of the world more than in others. When writing reality means opposing an army or a regime, every article, every reportage, every word is tantamount to risking one’s freedom or even one’s life. In the case of Redhwan Al-Sharif, the words used as a means of telling reality are on the one hand the cause that made him prisoner in his country, and on the other the ransom, the escape from that cage thanks also to the world of web and online newspapers that those words have accepted. I had the great privilege of working with Redhwan Al-Sharif; read the dramatic reality that Yemen is experiencing and facing today through his writings, I asked myself a question: why do most western media not deal enough with this massacre? Redhwan Al-Sharif was present in Italy through the pages of the Daily Worker, for whom he collaborated in the demonstration of professionalism and …

Redhwan Al-Sharif

Intervista a Redhwan Al-Sharif

Il giornalista yemenita Redhwan Al-Sharif: “Intrappolato nel mio Paese per la mia professione” by Anna Lisa Maugeri DW(ITALIA).Essere giornalista è una missione in alcune zone del mondo più che in altre. Quando scrivere la realtà significa opporsi ad un esercito o ad un regime, ogni articolo, ogni reportage, ogni parola equivale a rischiare la propria libertà o addirittura la propria vita. Nel caso di Redhwan Al-Sharif, le parole usate come mezzo per raccontare la realtà sono da un lato la causa che lo ha reso prigioniero nel suo paese, e dall’altro il riscatto, l’evasione da quella gabbia grazie anche al mondo del web e alle testate online che quelle parole le hanno accolte. Ho avuto il grande privilegio di lavorare con Redhwan Al-Sharif; leggere la drammatica realtà che oggi vive e affronta lo Yemen attraverso i suoi scritti, ha imposto a me stessa una domanda: perché la maggior parte dei media occidentali non si occupa abbastanza di questo massacro? Ho difeso e voluto fortemente che il grande lavoro fatto di impegno e coraggio del giornalista …

miele yemenita

Miele Yemenita le sue straordinarie qualità, quali benefici?

DW-Yemen. Miele yemenita è noto per la sua qualità a livello globale, oltre ai suoi prezzi molto elevati,si pensi che il prezzo di un chilogrammo di alcuni dei suoi tipi di lusso e circa USD 200. Il miele yemenita è considerato uno dei tipi di miele più famosi al mondo per via della differenza del terreno, come alte montagne, valli estese, altipiani e coste lunghe, che ha dato allo Yemen un clima unico che ha contribuito alla qualità delle sue verdure durante tutto l’anno, che ha portato a diversi fiori e diversi tipi di miele. Le api che costruiscono cellule a nido d’ape da sole senza l’intervento umano nella sua fabbricazione, come avviene in altri paesi, così come una delle caratteristiche importanti del miele yemenita, è il mantenimento delle sue proprietà naturali di polline, gelatina reale e cibo per api. Tutte  queste cose hanno reso miele yemenita di valore super terapeutico e nutrizionale e ha dato un gusto delizioso, buon sapore, e un bel colore scuro. Inoltre, alcuni apicoltori yemeniti non rimuovono la pappa reale …

Yemeni Photojournalist In The Wartime

DW-YEMEN.In Yemen it is hard to be a photojournalist, if you hold the camera and take some pictures, you will be charged with a crime, and you may be killed or arrested. But she loves her camera and takes her with her wherever she goes. Yemen is beautiful in its scenery, heritage, history, and culture.  Yemeni photojournalist in the wartime Hayat AL Sharif was born in Saudi Arabia and raised in Yemen, where she currently resides in Sana’a, she has a bachelor degree in English literature at Sana’a University in 2015, her photography has appeared in the pages of Yemen’s most widely-read news outlets, and have produced projects for such organizations as the United Nations Development Program (UNDP) and World Food Program (WFP), Aid To Artisans ( USAID ) and Cash project. The lens of Hayat AL Sharif is considered as Yemen’s open window to the outside world. This window displays pictures full of beauty and architecture that characterized old Sana’a, palaces and old buildings located in 28 Yemeni governorates. Hayat says: “My Camera is …

Yemen: un ufficiale e due soldati uccisi

DW-YEMEN.L’Arabia Saudita ha riferito che tre soldati sono stati uccisi al confine con lo Yemen devastato dalla guerra. L’agenzia di stampa saudita SPA ha riferito che un ufficiale e due soldati “sono stati martirizzati in difesa della religione e della patria” nella regione meridionale di Jazan.Le autorità, tuttavia, non hanno fornito dettagli sulle circostanze della morte dei soldati.Dall’inizio di dicembre il numero di soldati che sono morti sul fronte meridionale è salito a 10. L’Arabia Saudita sta guidando la coalizione di paesi che hanno lanciato una massiccia campagna aerea contro gli Houthi nel 2015; un anno prima aveva invaso gran parte dello Yemen, compresa la capitale di Sanaa.

Soldiers

Yemen: One Officer And Two Soldiers Were killed

DW-YEMEN.Saudi Arabia said three soldiers were killed today along it border with war-torn Yemen. The Saudi SPA news agency said one officer and two soldiers “were martyred in defence of religion and homeland” in the southern Jazan region. Authorities, however, did not provide details about the circumstances of the soldiers’ deaths. Since the beginning of December the number of soldiers who died on the southern front rose to 10. Saudi Arabia is leading a coalition of countries which launched a massive air campaign in 2015 against the Houthis, who overran much of Yemen, including the capital of Sanaa, a year earlier. Since then, tens of thousands of Yemenis are believed to have been killed in the conflict, while another 14 million are at risk of starvation, according to the UN.

Le ragazze yemenite sono le vittime della guerra

DW-Yemen. 4,7 milioni di bambini nell’istruzione primaria e secondaria, l’81% del totale, hanno bisogno di assistenza per garantire la loro formazione continua. Quasi 2 milioni di bambini fuori dalla scuola, che rappresentano più di un quarto dei bambini in età scolare, 1,71 milioni di bambini sfollati e bisognosi di assistenza educativa.   Le ragazze e le donne sono le più vulnerabili Saba Ahmed, una quindicenne residente a Bani Hawat, ha dichiarato: “Lo stipendio di mio padre è stato interrotto e non vi è alcuna fonte di sostentamento, mia madre ha venduto il suo oro per poter comprare le pecore. Spero che la guerra contro lo Yemen si fermerà e lo stipendio di mio padre verrà restituito in modo da poter continuare la mia istruzione. La discriminazione nei confronti delle donne nello Yemen inizia in tenera età e le ragazze soffrono delle conseguenze in tenera età. A loro è anche impedito di godersi l’infanzia e i ragazzi e gli vengono negati molti elementi essenziali come l’educazione, la libertà di scelta. La maggior parte delle ragazze dello …

yemen girl

Yemeni Girls Are The Victims Of War

DW-YEMEN.4.7 million children in primary and secondary education, 81 per cent of the total, need assistance to ensure their continuing education. Nearly 2 million out-of-school children, representing more than a quarter of school-age children, 1.71 million internally displaced children and in need of educational assistance . Girls and women are most vulnerable Saba Ahmed, A 15- year- old resident of Bani Hawat said: “My father’s salary was interrupted and there is no source of livelihood, my mother sold her gold so we could buy sheep. I hope that the war on Yemen will stop and my father’s salary will be returned so that I can continue my education . Discrimination against women in Yemen begins at an early age, and girls suffer from the consequences from an early age . They are also prevented from enjoying their childhood as well as boys, and are denied many essentials such as education, freedom of choice, opinion and so on. Most of Yemen’s girls are in a tragic situation because of their customs, traditions and restrictions, as well …

Farsi curare all’estero è diventato un sogno impossibile per i pazienti e i feriti dello Yemen

DW-Yemen. Dalla dichiarazione di guerra allo Yemen del 23 marzo 2015 guidata dalla collazione tra Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, quattro anni e otto mesi di sofferenza, omicidi, bombardamenti, assedio ed epidemie, lo Yemen è stato classificato come il peggiore della crisi umanitaria al mondo. L’economia locale perde la sua capacità produttiva di oltre il 56% se confrontata tra il 2014 e il 2018 e il tasso di disoccupazione è aumentato dal 30% della popolazione totale nel 2014 e ha raggiunto nel 2018 al 60%, il tasso di povertà dovuto al blocco sullo Yemen è aumentato dal 49% della popolazione al di sotto della soglia di povertà e sale a un livello inaccettabile. Questa guerra ha ucciso quasi 100.000 yemeniti, tra cui donne e bambini, e l’aviazione civile si è fermata all’aeroporto internazionale di Sana’a ad eccezione dei voli delle Nazioni Unite che trasportano aiuti umanitari e personale di organizzazioni internazionali. Più di 320.000 pazienti non sono stati in grado di viaggiare per cure a causa del blocco e della chiusura dell’aeroporto di Sana’a. …

Treatment abroad has become an impossible dream for the patients and wounded in Yemen

DW-Yemen. Since the declaration of war on Yemen on 23 March 2015 led by the Saudi – UAE collation, four – year and eight months of suffering, killing, bombing, siege and epidemics, Yemen has been classified as experiencing the worst humanitarian crisis in the world. The local economy loses its production capacity by more than 56% if compared between 2014 and 2018 and the unemployment rate rose from 30% of the total population in 2014 and reached in 2018 to 60%, the poverty rate due to the blockade on Yemen rose from 49% of the population below the poverty line and gets higher to an unacceptable level.This war killed nearly 100,000 Yemenis, including women and children, and civil aviation stopped at Sana’a International Airport except for UN flights that carry humanitarian aid and staff of international organizations. Treatment due to the Arab Coalition’s ban on the operation of Sana’a International Airport five years ago and the collapse of the health sector. More than 320,000 patients were unable to travel for treatment due to the blockade …