Desk news, ITALIA, NOTIZIE IN EVIDENZA
Leave a comment

Viterbo, uno stupro firmato CasaPound

Lo stupro di Viterbo ad opera di Casapound
Condividi l'articolo che stai leggendo

DW – Roma. Ecco un altro caso di stupro nel Belpaese. Eccone un’altra, di violenza per le donne. Questa volta fa meno rumore del solito, chissà perché. Forse perché i colpevoli sono italiani, perché sono dei ragazzini.

Gli autori dello stupro

Sono il consigliere comunale di Vallerano Francesco Chiricozzi, 21 anni, e Riccardo Licci, 19 anni. Entrambi militavano per CasaPound. Sono stati arrestati a Viterbo con l’accusa di violenza sessuale di gruppo e lesioni aggravate nei confronti di una donna di 36 anni, anche lei viterbese e della stessa fede politica.

Le dinamiche della violenza

L’episodio è successo il 12 aprile all’interno di un circolo privato di Viterbo di cui i ragazzi avevano le chiavi. Secondo quanto riferito dalla procura, i due avrebbero convinto la donna ad entrare con la scusa di una festa, per poi farla bere e approcciarla fisicamente. Quando lei ha cominciato ad opporre resistenza, i due l’avrebbero presa a pugni in faccia fino a stordirla. È stato allora che, a turno, hanno potuto abusare del suo corpo, in una violenza da incubo che è durata ore. 

La donna è riuscita a denunciare il fatto prima in ospedale, dove le sue lesioni sono state diagnosticate guaribili in 7 giorni, e poi in questura, dove ha dovuto riconoscere i due aggressori. La polizia ha ritrovato anche i filmati dello stupro sul telefonino di uno dei due aggressori. Ma non serve arrivare alle immagini video: solo a raccontarla, questa storia, vengono i brividi. 

Le parole del presidente di CasaPound

L’arresto è stato accompagnato all’espulsione in via cautelativa dal movimento di CasaPound. «Li abbiamo dovuti allontanare per forza, vista la gravità delle accuse contestate», ha dichiarato il presidente del partito Gianluca Iannone, che ha poi aggiunto che, al più presto, renderà ufficiali le dimissioni di Chiricozzi dal ruolo di consigliere regionale. Ma forse il Chiricozzi non sarebbe mai dovuto entrare in CasaPound. Forse, starne lontano lo avrebbe fatto sentire meno forte.

Ti può interessare anche:  Italia-Cina tra fake news e verità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *