LIFESTYLE
Leave a comment

Vivere sull’acqua: il fascino easy & slow del quartiere galleggiante di Amsterdam

Condividi l'articolo che stai leggendo

Di Emanuela Perozzi

DW(ESTERI)Si chiama Ijburg ed è un quartiere interamente costruito sull’acqua. No, non siamo a Venezia! Ci troviamo in terra olandese, ad Amsterdam per la precisione. Città da sempre abituata a convivere, fino a fondersi, col suo elemento naturale dominante: l’acqua.

https://grimshaw.global/assets/uploads/97028_N144_banrimgland.jpg

Iniziato nel 2001 come temerario esperimento, ad oggi il quartiere galleggiante alla periferia est della città, rappresenta il più grande complesso edilizio “su acqua” mai realizzato.

“Floating Amsterdam” rappresenta un modello urbanistico a basso impatto inquinante da cui trarre ispirazione e insegnamento: gli edifici, costruiti seguendo i principi della bioedilizia, del risparmio energetico e della salvaguardia delle acque, rispettano e valorizzano il contesto naturale che li ospita.

https://www.waterstudio.nl/wp-content/uploads/2016/06/Floating-Houses-Waterstudio.jpg

La protagonista è l’acqua!

Nel quartiere la vita scorre – è proprio il caso di dirlo – come l’acqua nei canali su cui si distende: lenta, serena, abitudinaria.

Le case fluttuano e si specchiano placidamente nelle acque del lago, le strade sottolineano il contrasto con l’acqua, decretandone al contempo il predominio territoriale. Ed è un corso d’acqua che taglia trasversalmente il quartiere segnando la sua apertura verso l’esterno.

https://buildingcue.it/wp-content/uploads/2018/06/ijburg-case-galleggianti.jpg

Qui ogni cosa è progettata intorno al protagonismo dell’acqua: scuole, parchi attrezzati, hotel, ristoranti, cafè. Ma soprattutto le case galleggianti (circa 165 tra villette e complessi di appartamenti) con vista acqua fronteretro!

I 7 isolotti dell’arcipelago di Ijburg sono collegati con il centro di Amsterdam attraverso il ponte di Heerma Enneüs. Visto da lontano, l’avveniristico doppio ponte bianco ricorda lo scheletro di due enormi balene che si rincorrono e danzano sull’acqua! Attraversarlo a piedi, in bicicletta o in tram sarà un’esperienza decisamente inconsueta.

Ti può interessare anche:  Smart Home: con domotica e hi-tech cambiano le abitudini in casa

Houseboats: perfetto connubio tra natura e design

L’impatto visivo di Ijburg si può riassumere così: architettura futuristica, grandi vetrate e colori che riflettono sui canali rimandando suggestivi giochi di luce

Lo sguardo d’insieme non si discosta molto dalla classica architettura olandese e dalle abitazioni che costeggiano la cerchia dei canali nel cuore pulsante di Amsterdam: un’armoniosa quanto adorabile convivenza di colori pastello – chiari e delicati – e cromie più calde e accese.

Il design è volutamente minimal. La tipologia di villetta monofamiliare a 3 piani è composta da un piano terra con living e grande cucina a vista, mentre le camere da letto sono distribuite tra il piano inferiore – parzialmente sotto il livello del mare – e quello superiore, che può vantare un terrazzo con vista mozzafiato.

Gli interni sono realizzati con materiali che proteggono dall’umidità, e riscaldati mediante pannelli solari e vetrate termiche. Quest’ultime lasciano intravedere interni lussuosi, curati nei minimi particolari. 

Gli esterni ricalcano le abitudini e le passioni olandesi: fiori ovunque e, fuori dall’uscio, barche e biciclette attaccate alle banchine e ai ponticelli.

https://www.transforma.it/wp-content/uploads/2017/04/Amsterdam_case_galleggianti_tr-1024×683.jpg
https://st3.idealista.it/news/archivie/styles/imagen_galeria/public/2020-03/plum-1.jpg?sv=TWw5fBZw&itok=gao4mTqm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *